In tema di assegno divorzile, l’essersi dedicata durante il lungo matrimonio alla cura dei figli e alla gestione della famiglia non è sufficiente per la richiedente per obbligare l’ex marito a versarle il relativo assegno, atteso che è necessaria l’ulteriore prova di avere effettivamente rinunciato a precise e concrete prospettive di lavoro e di carriera.

Cassazione civile sez. VI, 13/10/2022, n.29920.

Condividi