Home

10Giu 2016

Nelle procedure di evidenza pubblica, la previsione di elementi di valutazione dell’offerta tecnica di tipo soggettivo (concernenti la specifica attitudine del concorrente a realizzare lo specifico progetto oggetto di gara) è legittima nella misura in cui tali elementi siano suscettibili di chiarire e dimostrare la qualità dell’offerta. (T.A.R. Venezia sez. III, n. 619, 10/06/2016)

10Giu 2016

Nelle procedure di evidenza pubblica, le valutazioni delle offerte tecniche da parte delle commissioni di gara sono espressione di discrezionalità tecnica e come tali sono sottratte al sindacato di legittimità del giudice amministrativo, salvo che non siano manifestamente illogiche, irrazionali, irragionevoli, arbitrarie ovvero fondate su di un altrettanto palese e manifesto travisamento dei fatti, ovvero, […]

10Giu 2016

Nell’ambito di una gara per l’affidamento del servizio di refezione scolastica, la previsione del bando circa la disponibilità di un centro di cottura va interpretata correttamente nel senso che il concorrente deve dichiarare, in fase di partecipazione alla gara, esclusivamente l’impegno alla disponibilità di un centro di cottura regolarmente autorizzato dall’ASL, non già l’effettiva disponibilità […]

10Giu 2016

E’ legittimo il provvedimento di esclusione da una gara di appalto di forniture, motivato con rifermento al fatto che il concorrente ha offerto un prodotto con caratteristiche tecniche diverse da quelle richieste dalla lex specialis, senza tuttavia dichiarare né dimostrare l’equivalenza di tale prodotto rispetto alle specifiche indicate nel capitolato tecnico; infatti, affinché una ditta […]

09Giu 2016

L’ art. 23 della L. 247/2012 attribuisce la responsabilità dell’ufficio ad un avvocato e non ad un dirigente amministrativo è evidente che la piena autonomia ed indipendenza non può essere solo rapportata all’ufficio ma anche e sopratutto, al singolo avvocato. Tali regole costituiscono l’applicazione ai professionisti legali degli enti pubblici, che sono soggetti agli obblighi deontologici e alla […]

09Giu 2016

L’affermazione della responsabilità del medico per i danni celebrali da ipossia patiti da un neonato, ed asseritamente causati dalla ritardata esecuzione del parto, esige la prova – che deve essere fornita dal danneggiato – della sussistenza di un valido nesso causale tra l’omissione dei sanitari ed il danno, prova da ritenere sussistente quando, da un […]

09Giu 2016

Le associazioni di categoria possono essere ammesse a difendere in sede giurisdizionale gli interessi dei soggetti di cui hanno la rappresentanza a condizione che non si occupino di questioni capaci di dividere la categoria in posizioni disomogenee o addirittura contrapposte, potendo tali associazioni difendere soltanto le posizioni comuni a tutti i membri e sempre che […]

09Giu 2016

La figura della sopravvenuta carenza di interesse, di stretta elaborazione giurisprudenziale ed oggi disciplinata dall’art. 35 c.p.a., insomma, determina l’improcedibilità del ricorso in forza di un ulteriore provvedimento della Pubblica amministrazione che interviene nel rapporto in contestazione, pur non soddisfacendo integralmente il ricorrente, determinando una nuova valutazione dell’assetto del rapporto tra la Pubblica amministrazione e […]

09Giu 2016

La mera circostanza della competizione con un altro operatore nella stessa zona industriale è di per sé astrattamente idonea ad ingenerare una potenziale alterazione degli equilibri concorrenziali ed un pregiudizio economico da cui scaturisce quell’interesse differenziato che costituisce titolo per adire la tutela giurisdizionale (nella fattispecie, il Collegio, pur con la precisazione che la società […]

09Giu 2016

Ai sensi dell’art. 32 del d.l n. 90/2014, la misura del commissariamento costituisca il provvedimento da adottare in via ordinaria per finalità di prevenzione delle infiltrazioni criminali. L’individuazione del provvedimento da applicare e, dunque, la scelta fra le misure di cui alle lett. a) e b) del comma 1 dell’art. 32 cit. deve avvenire sulla […]