All posts by: Staff Studio Tosi

About Staff Studio Tosi

L’esibizione di documenti non può essere chiesta, ai sensi dell’art. 210 c.p.c. a fini meramente esplorativi. Tuttavia, nel caso in cui non sia contestata l’applicazione al rapporto di conto corrente di interessi ultralegali non pattuiti nelle forme di legge, nonché l’applicazione della capitalizzazione trimestrale, non può mettersi in dubbio l’esistenza di un conto corrente, non contestato […]

Ogni qualvolta intenda emanare un atto che incida sfavorevolmente sulla sfera giuridica altrui, la pubblica amministrazione è tenuta a darne preventivo avviso al soggetto destinatario, salvo che esistano particolari esigenze di celerità richiamate nel provvedimento ovvero che l’interessato sia stato comunque posto in condizione di partecipare al procedimento stesso. Detto principio trova applicazione anche ai […]

L’art. 141 d.lg. n. 209 del 2005, in conseguenza del riferimento al caso fortuito – nella giuridica accezione inclusiva di condotte umane – come limite all’obbligo risarcitorio dell’assicuratore del vettore verso il trasportato danneggiato nel sinistro, richiede che il vettore sia almeno corresponsabile del sinistro quale presupposto della condanna risarcitoria del suo assicuratore; una volta […]

L’instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, ancorché di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell’assegno divorzile a carico dell’altro coniuge, sicché il relativo diritto resta definitivamente escluso.   Cassazione […]

Relativamente all’affidamento, il giudice deve preferire l’affidamento condiviso, salvo che risulti contrario all’interesse del minore. L’affidamento condiviso presuppone un comune impegno progettuale in ordine alle scelte relative alla vita della prole nonché in ordine alla cura della prole medesima nell’ambito della gestione dei vari incombenti della vita quotidiana. L’affido condiviso si pone come regola generale, […]

In materia di danni da cose in custodia (nella specie allagamenti determinati da sistema fognario inadeguato), non integra di per sé la prova del caso fortuito l’eccezionale intensità della precipitazione piovosa, allorché la stessa si è comunque protratta per un certo lasso di tempo – nel corso del quale un sistema fognario adeguato avrebbe certamente […]

In tema di danno non patrimoniale da perdita di familiare questo può essere determinato in un’unica somma comprendente sia il cosiddetto danno morale in senso stretto, derivante dalla sofferenza per la perdita del congiunto, sia il cosiddetto danno esistenziale, derivante dalla lesione del rapporto parentale e dall’incidenza che tale lesione assume sulla vita futura del […]

L’indebito conseguimento dell’indennità di malattia da parte del lavoratore configura il reato di truffa aggravata (nella specie, l’imputato aveva certificato all’azienda il proprio stato di malattia, percependo l’indennità erogata dall’INPS, e contemporaneamente aveva lavorato per un’altra società). Cassazione penale sez. II, 14/09/2018, n.47286

Prima di emettere un accertamento basato sugli studi di settore, l’Agenzia delle Entrate deve sempre motivare perché non ha accolto le giustificazioni presentate dal contribuente. Non è possibile subordinare la motivazione ad un’arbitraria valutazione, da parte dell’ufficio, di plausibilità ed attendibilità delle giustificazioni addotte dallo stesso contribuente. Cassazione civile sez. trib., 14/11/2018, n.29323