libroL’esibizione di documenti non può essere chiesta, ai sensi dell’art. 210 c.p.c. a fini meramente esplorativi. Tuttavia, nel caso in cui non sia contestata l’applicazione al rapporto di conto corrente di interessi ultralegali non pattuiti nelle forme di legge, nonché l’applicazione della capitalizzazione trimestrale, non può mettersi in dubbio l’esistenza di un conto corrente, non contestato dalla banca e dunque l’esistenza della documentazione relativa alla sua gestione. In ragione dei contenuti propri della norma dell’art. 119, comma 4, T.U.B., il correntista ha diritto di ottenere dalla banca il rendiconto, anche in sede giudiziaria, fornendo la sola prova dell’esistenza del rapporto contrattuale.

Cassazione civile sez. VI, 08/02/2019, n.3875

Condividi